Il valore affettivo | Nicoletta Verna

«Anche il fatto che ogni tanto mia madre cerca di uccidersi è diventato un’abitudine, come più o meno tutto il resto».

Bianca ha sette anni quando la sua amata sorella maggiore Stella perde la vita in un incidente. Da quel giorno la vita di Bianca ha subito una battuta d’arresto e tutto ha smesso di funzionare. Sua madre ha perso la voglia di vivere, la sua unica figlia rimasta non era una ragione troppo forte per andare avanti, meglio lasciarsi trascinare dal ricordo di quella figlia andata via troppo presto e in un modo così crudele. Suo padre ha sopportato fino a che ha potuto, per poi andarsene di casa e rifarsi una vita in Svizzera accanto a un’altra persona: anche per lui, forse, Bianca non era una ragione troppo forte per rimanere in Italia.

Il giorno della disgrazia è diventato per Bianca il giorno da annullare, lo ha immagazzinato in una parte remota del suo cervello e guai a parlarne, tanto meno pensarlo.

Oggi Bianca è quella che si potrebbe definire una donna realizzata. Ha un lavoro, sbobina interviste e ha un compagno, Carlo, un cardiochirurgo di fama mondiale che ha immolato la sua vita alla cura del cancro al cuore, il più difficile dei tumori.

Quando Bianca conobbe Carlo le bastò uno sguardo per capire che era l’uomo giusto per mettere in atto il suo assurdo piano. Carlo era il patrimonio senza il quale non avrebbe potuto proseguire, rappresentava la parte fondante del suo progetto, non poteva mandare tutto per aria per un capriccio o per altro, quindi fin dall’inizio Bianca aveva giocato alla donna amorevole e follemente innamorata del suo uomo, un uomo a cui diceva sempre sì e con cui in anni e anni di fidanzamento non aveva avuto nessun tipo di lite o incomprensione.

Bianca viveva la vita tenendola follemente sotto controllo. Se avesse potuto gestirla e catalogarla così come ossessivamente divideva i suoi amati rifiuti, sarebbe stata la persona più felice sulla terra, ma Bianca aveva capito che la felicità era un’illusione a cui lei non era abituata e infatti anche il piano risultava di saltare a causa di un intoppo non di poco conto che si era messa sul suo cammino.

Bisognava fare il tutto per tutto, lo doveva a lei e lo doveva a Stella, l’unica persona della sua vita che realmente contava.

«La certezza di conoscere nel dettaglio entrambi questi tipi di dolore».

Il valore affettivo di Nicoletta Verna, esordiente in casa Einaudi Stile Libero, è un romanzo di una bellezza unica e rara con un ritmo travolgente capace di trascinare il lettore pagina dopo pagina. La spiegazione razionale che proviamo a dare a ciò che inspiegabilmente ci accade nella vita è il senso del dolore che spesso senso non ha. Cosa ci spinge a dare una spiegazione a tutto? Cosa ci spinge ad essere così ossessivi nei confronti di una verità che probabilmente non arriverà mai? Siamo davvero così ciechi da credere che questo placherà il nostro dolore? Sono sincera, a queste domande non so rispondere, perché sono la prima che negli anni ha provato a spiegare razionalmente il dolore. Posso farmi solo da parte e lasciare le risposte agli altri.

  • Titolo: Il valore affettivo
  • Autrice: Nicoletta Verna
  • Casa Editrice: Einaudi (Stile Libero)
  • Data di pubblicazione: 30 Marzo 2021