Di liste di lettura portate miracolosamente a termine| I libri che ho letto durante l’estate

L’estate è ufficialmente finita. Non so voi, ma per me l’ultima settimana di agosto è stata come l’ultima ora dell’ultimo giorno di scuola, un’attesa estenuante verso il suo della campanella che avrebbe significato una sola cosa: libertà (se siete amanti della stagione infernale queste righe potrebbero nuocere gravemente alla vostra salute).

Non sono qui per parlarvi della beltà della stagione che ci prepariamo a vivere, sua maestà l’autunno, piuttosto volevo rendevi partecipe dei librini che mi hanno fatto compagnia nei mesi appena trascorsi. Verso l’inizio di giugno ho buttato quasi senza pensare una lista di lettura, cosa fatta per la prima volta in vita mia, visto che mi piace scegliere i libri da leggere in base all’umore del momento. Siccome avevo accumulato un po’ di novità e siccome utilizzo la pausa editoriale per leggere qualche libro che dico sempre di voler recuperare, mettere tutto nero su bianco era l’unica cosa che potevo fare e signori, questa mattina sono qui per comunicarvi che di quella lista ho letto praticamente tutto (o quasi, ma sul quasi ci torniamo dopo).

Nella vita avrò combinato poco e niente, ma la soddisfazione di spuntare lettura dopo lettura e arrivare alla consapevolezza di aver portato tutto (o quasi tutto) a termine dove la mettiamo? Sarà che sarò stata colpita dalla positività che ha colpito il popolo italico, sarà che per qualche strano allineamento astrale tutte le forze erano con me, sarà quel che sarà…

Sproloqui a parte, che cosa ho letto in questi mesi?

Il primo grande recupero è stato Zerocalcare. All’inizio dell’anno mi sono imposta di recuperare tutto ciò che ha scritto, anzi disegnato, e dopo Macerie prime e Macerie prime, sei mesi dopo, è stata la volta di Scheletri, La profezia dell’armadillo e La scuola delle pizze in faccia del professor Calcare.

Tra le letture di giugno e luglio ci sono state delle novità editoriali di cui già ho avuto modo di parlarvi; il libro di Jami Attenberg Tutto questo potrebbe essere tuo, Le vite nascoste dei colori di Laura Imai Messina, Una sirena a settembre di Maurizio de Giovanni, Alfredino, laggiù di Enrico Ianniello, Quando il mondo era giovane di Carmen Korn, Le balene mangiano da sole di Rosario Pellecchia (e qui aggiungo anche Solo per vederti felice, letto nell’ultima settimana di agosto e che mi ha fatto luccicare più volte gli occhi) e Andarsene di Rodrigo Hasbun.

Per la categoria libri che rimandavo da tanto tempo e alla fine finalmente ho recuperato troviamo Eshkol Nevo Tre piani (che per me è un grande, grandissimo mah), Oregon Hill di Howard Owen (che invece è un grandissimo sì), Il colore viola di Alice Walker (che ahimè che delusione, signora mia) Il weekend di Charlotte Wood (perché di questo libro spettacolare si parla così poco?), Falsa partenza di Marion Messina (che per me ha avuto lo stesso impatto emotivo di Persone normali di Sally Rooney) e Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda (libro da leggere senza se e senza ma).

Per la categoria libri letti per puro caso e che mi sono piaciuti tantissimo ci sono Love after love di Ingrid Persaud (che al momento è nella lista dei libri più belli di questo 2021), Un bel quartiere di Therese Anne Fowler (anche qui siamo tra i libri belli, bellissimi), Ritorno a Whistle Stop di Fannie Flagg (in questo caso dopo aver amato il precedente anni fa non potevo non leggere questo che è una sorta di seguito), Un semplice caso di infedeltà di Jacqueline Winspear (che mi ha ricordato un po’ i libri di Jessica Fellowes per svolgimento e ambientazione) e È quello che ti meriti di Barbara Frandino.

Veniamo adesso alla saga familiare che mi ha fatto compagnia ad agosto e cioè la famiglia Florio. Sono un’appassionata di saghe familiari e quindi se in un libro si narra la storia di una famiglia in un arco temporale abbastanza lungo ci metto poco a decidere di leggerlo, cosa questa non successa con i libri di Stefania Auci. Avevo una sorta di repulsione dei confronti di questo libro che ha stregato tantissimi lettori e, infatti, ci sono arrivata a distanza di tempo e per fortuna mi sono ricreduta, almeno in parte, perché se da un lato ho amato tantissimo il primo capitolo della saga, I leoni di Sicilia, lo stesso non posso dire di aver fatto con il seguito, L’inverno dei leoni, lettura che ho portato a termine per un senso di dovere che non mi appartiene.

Prima di congedarvi miei cari lettori, come ho detto in apertura ho portato a termine la mia lista di libri da leggere. Per chi si ricorderà ho ribadito più volte quasi, perché come ben saprete ad agosto scelgo un classico da leggere. Quest’anno la mia scelta è ricaduta su Il conte di Montecristo, un tomettino di mille e passa pagine. Ebbene, dopo un inizio folgorante, il tomo (che in realtà è la versione digitale) è tornato sulla pila dei libri da leggere chissà quando.  

Dei libri che leggeremo a settembre| Guida pratica alle prossime uscite

Buongiorno lettori, come va? Il blog riprende ufficialmente le comunicazioni dopo una pausa lunga e meritata (la pausa la meritavo io, ma questo è un altro discorso).

Molti di voi saranno ancora in vacanza, altri ancora magari sono lì che si accingono a partire e altri come me sono tornati alla propria normale routine, ma se c’è una cosa che unisce noi lettori è la voglia di sapere cosa troveremo a breve nelle librerie dopo la tradizionale pausa editoriale dei mesi estivi e questo post vuole essere una breve e significante guida alle prossime uscite: armatevi di penna e agenda e partiamo.

Il 31 agosto torna in libreria Maurizio Maggiani con Eterna Gioventù (Feltrinelli) una storia di eterna rivolta, di vite che si intrecciano e si confondono con la Storia, edificandone una loro che non si pieghi alla schiacciante prepotenza del potere, all’insolenza del tiranno, allo sconforto della sconfitta, una storia madre di fraterna giustizia, di amorevole libertà, di una gioiosa e ardente futura umanità.

Il 2 settembre è la volta di uno dei miei autori del cuore; Alessio Arena torna con il suo nuovo romanzo Ninna nanna delle mosche (Fandango) con un’emozionante storia che si svolge tra un paesino della Lucania e il lontano Cile. Marco Malvaldi riporta in libreria i suoi amati vecchietti e il barista Massimo, alle prese con un nuovo intrigo da sciogliere in Bolle di sapone (Sellerio).  

Il 7 settembre tornano Michela Murgia e Chiara Tagliaferri con Morgana. L’uomo ricco sono io (Mondadori), una raccolta di storie dove l’emancipazione femminile passa attraverso l’indipendenza economica. Come nel precedente libro, ci saranno una serie di ritratti di donne, imprenditrici, politiche e attrici che grazie al loro lavoro sono diventate ricche abbastanza da poter affermare, come diceva Cher che l’uomo ricco erano loro.

Il 9 settembre è la volta di un altro autore del cuore; Alessio Forgione torna in libreria con Il nostro meglio (La nave di Teseo). Amoresano è cresciuto a Bagnoli con i nonni e adesso vive con la famiglia a Soccavo. Va all’università, ha una relazione che procede a stento e ama rifugiarsi nella lettura. Tutto nella vita sempre riportarlo a quell’amore primordiale che lo ha cresciuto, sua nonna, che gli ha insegnato tutto quello di cui lui aveva bisogno. La storia ha tutte le premesse di essere una di quelle che difficilmente dimenticheremo.

Dopo i successi de La ferrovia sotterranea (SUR) e I ragazzi della Nickel, il 14 settembre arriva il nuovo imperdibile libro di Colson Whitehead Harlem Shuffle (Mondadori) e torna Alessandro Piperno con Di chi è la colpa (Mondadori).

Il 28 settembre è la volta di due autori napoletani (entrambi autori del cuore, ovviamente). Diego De Silva riporta in scena il suo personaggio più amato, l’avvocato Vincenzo Malinconico con Le minime di Malinconico (Einaudi), mentre ritorna dopo il grandissimo successo de Il treno dei bambini, Viola Ardone con Oliva Denaro.

Il 30 settembre Feltrinelli schiera alcuni dei suoi autori di punta; saranno in libreria i libri di Nicolas Barreau Il tempo delle ciliegie, Vinicio Capossela con Eclissica e Banana Yoshimoto con Su un letto di fiori. Per Adelphi uscirà il nuovo libro di Peter Cameron, Anno bisestile, mentre Lorenzo Marone torna con una nuova storia Il bosco di là, edito da Aboca edizioni.

Ci sarebbero delle chicche anche per ottobre e novembre, ma mica posso dirvi tutto oggi? Alla prossima, lettori.

Consigli (non) richiesti| Feltrinelli edition

Nel post di ieri vi segnalavo le varie promo librose che le case editrici hanno attivato in questo periodo (se non sapete di cosa sto parlando basta cliccare qui) e tra queste figura la deliziosa book cover di Feltrinelli che che vi sarà data in omaggio con un acquisto mimino di 35 euro fino al 14 luglio. Quale occasione migliore per consigliarvi qualche titolo di questa casa editrice se siete ancora indecisi su cosa acquistare?* Come sempre, carta, penna e partiamo.

Partiamo da un autore del cuore made in città del cuore. Mi riferisco a Lorenzo Marone e non potevo non iniziare da lui. Potrei dirvi la frase più ovvia: tutti i libri di Lorenzo vanno benissimo, ma se proprio mi costringete a scegliere, perché siete lettori senza cuore, sono obbligata a dire Magari domani resto, il libro che mi ha fatto conoscere ed apprezzare Lorenzo e che è simbolo di chi ogni giorno qui sceglie di restare nonostante tutto e nonostante tutti. Rimanendo in casa passiamo a La compagnia delle illusioni di Enrico Ianniello un libro che pieno di ironia, leggerezza, ma anche profondità e una buona dose di sentimenti di quelli dolci e puri che a tratti ti fanno velare gli occhi. 

Per la categoria libro del cuore di autrice del cuore Le assaggiatrici di Rosella Postorino un romanzo che si divora in pochissimo e che non ha bisogno di presentazioni, dico solo che se non l’avete letto è giunto il momento di rimediare.

Un romanzo che tutti gli amanti dei libri dovrebbero leggere è quello di Domanico Dara, Malinverno, un romanzo magico che ricorda le splendide atmosfere del cimitero dei libri dimenticati di Carlos Ruiz Zafon e che mette nero su bianco tutte le emozioni che noi lettori proviamo quando ci approcciamo a una lettura: semplicemente imperdibile. Stesso discorso per Il sorriso di don Giovanni di Ermanno Rea: tutto l’amore per la letteratura e per i libri raccontato da una ragazza, Adele, con cui sarà felice immedesimarsi.

Venendo a due uscite recenti da poco in libreria vi consiglio Le piccole libertà di Lorenza Gentile, una vera e propria favola moderna, un libro che potrei definire una coccola e Le balene mangiano da sole di Rosario Pellecchia la storia di un rapporto di amicizia sui generis con un epilogo capace di sciogliere i cuori più duri.

Prendete un fumettista che non trovando più l’ispirazione decide di trovarsi un lavoro che può definire lavoro; prendete un ragazzo che con difficoltà cerca di riemergere da un trauma vissuto durante l’adolescenza che lo ha irrimediabilmente segnato e aggiungete infine un uomo che decide di vivere così come la nostra religione ci impone e otterrete tre dei libri che più apprezzato negli ultimi anni: Spigole di Tito Faraci, Carlo è uscito da solo di Enzo Gianmaria Napolillo e …che Dio perdona a tutti di Pif.

Chiudiamo in bellezza con due libri le cui protagoniste amerete o odierete alla follia e qui sta a voi deciderlo: La felicità del cactus di Sarah Haywood e Il mio anno di riposo e oblio di Ottessa Moshfegh.

*per avere la book cover di Feltrinelli non è necessario l’acquisto dei soli libri Feltrinelli, ma basta raggiungere 35 euro di spesa in uno dei punti La Feltrinelli e sugli store online.

Parti con un libro | Quattro titolini da mettere in valigia

È arrivato quel periodo dell’anno in cui se non si sta attenti si inciampa su una lista dei libri da leggere in vacanza. Il mio amore per le liste è cosa nota e ogni anno infatti non perdo occasione di spulciare tutte le liste che mi capitano a tiro e soprattutto mi sento in dovere di stilare la mia lista di consigli non richiesti.

Quest’anno tra l’altro è stato il primo in cui prendendo carta e penna ho buttato giù sommariamente una lista di libri da leggere nei mesi che vanno da giugno ad agosto e senza volermi buttare la zappa sui piedi da sola posso affermare che sono già a buon punto: adesso non resta che vedere cosa succederà da qui a fine estate (incrociate le dita per me).

Tornando a noi, i miei vogliono essere sempre consigli spassionati, liberissimi di seguirli, liberissimi di ignorarli, liberissimi di non leggere niente e godervi la vostra meritata vacanza di dolce far nulla. Per chi volesse, qui sotto trovate quattro titolini da leggere.

Rosario PellecchiaLe balene mangiano da sole (Feltrinelli): Gennaro, detto Genny, è un orgoglioso rider. Messi momentaneamente gli studi in pausa, Genny ha deciso di lanciarsi anima e corpo in questo mestiere detestato da tutti quelli che lo svolgono. Per lui, invece, il rider rappresenta l’occasione di poter entrare, seppure solo per il momento della consegna, nelle case altrui per poter scorgere pezzi di vita e brandelli di storie. Una sera durante una consegna conosce Luca, un dodicenne tifoso sfegatato del Napoli che lo invita a rimanere per vedere la partita. Sa che non dovrebbe, ma intuisce in quella richiesta un bisogno di attenzioni a cui lui non può sottrarsi. Contro ogni logica tra Genny e Luca si instaura un rapporto di amicizia sempre più forte con un epilogo capace di sciogliere i cuori più duri.

Ingrid PersaudLove after love (Edizioni E/O). Avvertenze: questo libro vi farà piangere tantissimo. A Trinidad Betty si ritrova a crescere suo figlio Solo da sola dopo che suo marito muore. Per aiutare l’assetto economico familiare decide di affittare una camera di casa sua a Mr Chetan che in pochissimo tempo diventa il migliore amico di Betty e la figura paterna che tanto manca a Solo. Succede che un segreto che doveva rimanere tale purtroppo viene fuori e Solo parte per New York pur di tagliare i ponti con sua madre Betty che si affida sempre più a Mr Chetan, l’unico che le rimane accanto e purtroppo per lei i dolori non sono finiti…

Jami AttenbergTutto questo potrebbe essere tuo (Einaudi). Per la serie non è vero che in vacanza bisogna portare libri leggeri. Per Alex si sta avvicinando il giorno tanto atteso, quello della morte di suo padre Victor. Se per qualsiasi figlia dire addio a un genitore è quanto di più atroce possa capitare, per Alex questo momento significa solo libertà. Libertà da un padre da sempre autoritario, violento, misogino, meschino e tanti altri complimenti così. Un padre che ha ripetutamente tradito sua madre Barbra, consapevole della sua infedeltà e che ha fatto affari illeciti mettendo a rischio tutta la famiglia. Si può perdonare un padre per non essere stato un padre?

Gianni SollaTempesta madre (Einaudi). Se una cosa la puoi scrivere, allora vuol dire che la puoi capire. C’è Jacopo e c’è la segretaria. C’è Jacopo unico bambino maschio della classe all’istituto Santa Sofia e c’è la segretaria, sua madre, delle Brahms edizioni musicali, una donna bellissima, eccentrica, vulcanica a passionale. Una donna che ha messo il padre di Jacopo alla porta e ha cresciuto il figlio da sola. Un rapporto, il loro, unico e problematico, fatto semplicemente di lui e lei. Una volta adulto è difficile per Jacopo accettare i segni dell’Alzheimer che avanzano nella mente della segretaria, come sarà difficile accettare di doverle prima o poi dire addio. Tenero e commovente, da leggere e niente più.

Gli Spaiati| Top, flop e blop

Di nuovo su questi schermi per raccontarvi (finalmente) le mie recenti letture. Le mie ultime settimane non sono state facili e le mie letture ne hanno risentito, nonostante questo avevo voglia di rimettere mano al blog per raccontarvi dei libri che mi hanno tenuto compagnia in questi giorni.

 Il mese di maggio si è concluso con appena quattro libri letti (una roba del genere non mi capitava da anni), ma alla fine questa non è una gara (se non con me stessa) e fa niente, recupererò nelle prossime settimane.

«La ragazza A» di Abigail Dean, «Klara e il sole» di Kazuo Ishiguro e «Un bacio dietro al ginocchio» di Carmen Totaro tutti e tre pubblicati da Einaudi sono i protagonisti di top, flop e blop (avviso ai lettori, questo termine non esiste, quindi non perdete tempo a googlarlo).

TOP

«La ragazza A» di Abigail Dean è il libro bomba di questo 2021 e se non lo vedrò in tutte le classifiche dei libri migliori dell’anno non risponderò delle mie azioni. Avete presente quei libri che vi fanno esclamare cazzo ogni dieci righe? Se non avete presente, significa che non vi siete mai ritrovati un libro del genere tra le mani. Di mio posso solo dirvi di aver divorato questo libro in una sola domenica pomeriggio e che ho lasciato volutamente una cinquantina di pagine per il giorno dopo, perché non ero pronta a dire addio a questa storia. Famiglia è in teoria il primo luogo sicuro che conosciamo. Famiglia, invece, per Lex ha significato prigionia, catene e piani per evadere. Lei è diventata per tutti la ragazza A, la ragazza che è riuscita a scappare e che ha fatto liberare i suoi fratelli. Quando anni dopo sua madre muore lasciando in eredità quella che potrebbe essere definita la casa degli orrori, Lex vorrebbe trasformarla in qualcosa che dia senso a ciò che ha vissuto, ma la sua idea di scontrerà con quella dei fratelli che dell’infanzia sembrano avere ricordi diversi da quelli di Lex e soprattutto significherà fare i conti con il suo passato e con il carico emotivo che quello comporta.

BLOP

Come ho già detto questo termine non esiste, volevo trovare qualcosa a metà strada tra top e flop e siccome non l’ho trovato mi è uscito questo (se lo sapete, me lo dite?). In questa sezione metto «Klara e il sole» di Kazuo Ishiguro, una lettura che non mi è dispiaciuta, ma speravo di trovare qualcosa in più. Questo è il primo libro di Ishiguro che leggo e ho iniziato questa lettura in punta di piedi, timorosa di trovarmi alle prese con un premio Nobel. Klara, la protagonista, è un androide, mentre Josie è una ragazzina di quattordici anni che sceglierà Klara come suo AA, un amico artificiale pronto a prendersi cura di chi lo sceglie. Fin dal primo istante Klara avrà una vera e propria forma di protezione nei confronti di Josie, una protezione che aumenterà dal momento in cui scoprirà della sua malattia. Un’intelligenza artificiale può provare emozioni? Un androide può capire cosa significa sacrificare sé stessi per il bene di chi più gli sta a cuore? Sono questi gli interrogativi che muovono la storia e una volta arrivati all’epilogo è possibile che la nostra idea iniziale non coinciderà più con quella finale. Leggere, per credere.

FLOP

«Un bacio dietro al ginocchio» di Carmen Totaro ahimè finisce qui, ma ci tengo a sottolineare che non è un vero e proprio flop, bensì una lettura il cui finale mi ha lasciata così perplessa da mettere tutto in discussione. Ada ed Elisa sono madre e figlia. Dopo la cena di compleanno di Elisa e dopo che quest’ultima ha riportato a casa Ada, la madre si ritroverà in uno stato di semi incoscienza che non le permetterà di ricordare cosa sia successo nelle ore precedenti. Perché era rinchiusa in bagno? Perché nell’appartamento c’è forte odore di gas? Che fine ha fatto Elisa e perché non risponde ai suoi messaggi per rassicurarla? Quello che resta ad Ada è mettersi sulle tracce di una figlia all’apparenza scomparsa per scoprire che la vita della figlia che conosceva non è per niente la vita che la figlia conduceva. Il romanzo è diviso in due parti. La prima tutta dedicata ad Ada ed è quella che ho letto con interesse e curiosità. La seconda è narrata da Elisa e ciò che il lettore dovrebbe capire sono le motivazioni che hanno spinto Elisa a fare quello che ha fatto, ma ciò che emerge è solo il ritratto di una figlia che non sa neanche lei che vuole nella vita e nel momento clou del racconto, il confronto tra Ada e Elisa, tutto si chiude troppo velocemente senza fornire risposte al lettore.

Il Maggio dei Libri 2021| Galeotto fu il libro (e chi lo scrisse).

Il quinto canto dell’Inferno della Divina Commedia è probabilmente il più famoso di tutta l’opera. Tutti avranno sentito parlare almeno una volta della storia d’amore di Paolo e Francesca, i due amanti cognati che morirono per mano del marito di lei e che Dante decide di relegare nel girone dei lussuriosi.

In questo girone a fare compagnia ai due ci sono tutte le anime di coloro che morirono per amore: Cleopatra, Elena di Troia, Paride, Tristano, solo per citarne alcuni.

Devo dire che l’amore infelice è quello che mi ha sempre colpito di più (c’è del masochismo in me e me ne rendo conto) motivo per cui in questo post dedicato al Il Maggio dei Libri che quest’anno ricorda i settecento anni dalla morte del Sommo Poeta, parlerà di quattro delle più celebri storie d’amore finite ahimè in tragedia.

Galeotto fu ‘l libro e chi lo scrisse:

quel giorno più non vi leggemmo avante

Francesca da Polenta era la figlia di Guido Minore Signore di Ravenna e Cervia. Come tutte le fanciulle dell’epoca della sua età, Francesca aspettava che il padre le trovasse uno sposo. Nel 1275 Guido da Polenta decise che la figlia avrebbe sposato Giovanni Malatesta (detto Gianciotto). Giovanni era un uomo zoppo oltre che rozzo e per evitare che la figlia potesse rifiutare il padre di Francesca e il suo futuro marito ordirono un inganno. Il giorno delle nozze si presentò il fratello di lui, Paolo, che sposò Francesca per procura, ossia per conto di suo fratello. Francesca all’oscuro di tutto quando si rese conto di chi aveva sposato cadde in una profonda tristezza. Paolo, sentitosi in colpa per l’inganno a cui aveva preso parte, iniziò a passare del tempo con la cognata per allietarle le giornate e tra i due scattò ben presto la scintilla.

Amor condusse noi ad una morte

Un giorno qualcuno avvisò Gianciotto di quegli incontri segreti e mentre i due leggevano estasiati la storia d’amore di Lancillotto e Ginevra, Gianciotto li sorprese e accecato dalla gelosia uccise entrambi con la sua spada.

Quand’egli vede la regina

che dalla finestra s’inclina,

che di grossi ferri è ferrata,

dolcemente l’ha salutata.

La storia di Paolo e Francesca quindi si lega a quella di Lancillotto e Ginevra per vari motivi, uno fra tutti l’epilogo tragico del loro amore. Ginevra era la moglie di re Artù, mentre Lancillotto era uno dei paladini della sua corte e Primo Cavaliere della tavola rotonda. Quando il nemico del regno rapì Ginevra fu Lancillotto a salvarla e in seguito a questo avvenimento i due si innamorarono perdutamente. I due escogitarono vari modi pur di vedersi segretamente e stare insieme, ma Re Artù scoprì il tradimento e condannò a morte Ginevra. Lancillotto cercò in ogni modo di attaccare il regno di Camelot pur di salvare la sua amata, ma dopo aver saputo della morte di Ginevra, Lancillotto si ritirò nella vita spirituale.

Tristano è morto per suo amore

e la bella Isotta di tenerezza.

Tristano è un orfano cresciuto con lo zio, il re della Cornovaglia, mentre Isotta è la figlia del re dell’Irlanda. Una volta grande e divenuto guerriero, Tristano decide che è tempo di liberare la Cornovaglia dalla sottomissione irlandese e nell’impresa uccide il fratello del re della Cornovaglia. Isotta, inconsapevole di tutto questo, cura Tristano dalla ferita di una spada insanguinata. Passa del tempo e Tristano parte di nuovo per l’Irlanda dove nell’affrontare un drago rimane ferito e per la seconda volta sarà sempre Isotta a curarlo. Nonostante Isotta verrà a sapere la verità, acconsente di sposare re Marco pur di riportare la pace tra i due regni. Nel viaggio verso la Britannia i due berranno per sbaglio dei filtri magici che farà innamorare l’uno dell’altro. A questo punto tra i due iniziano tutta una serie di incontri clandestini, ma vengono scoperti e condannati a morte. Riescono a scappare, ma una volta trovati Tristano decide di lasciare Isotta al re e di sposare Isotta dalle Bianche Mani che scoprirà che la storia tra Isotta la Bionda e Tristano non si è mai interrotta. Lui si lascerà morire convinto di essere stato abbandonato dall’amore della sua vita e lei, vedendolo morto, muore a sua volta.

Morendo di nuovo non ebbe per Orfeo parole di rimprovero

(di cosa avrebbe dovuto lamentarsi, se non d’essere amata?);

per l’ultima volta gli disse ‘addio’, un addio che alle sue orecchie

giunse appena, e ripiombò nell’abisso dal quale saliva.

Quello di Orfeo e Euridice è uno dei miti più conosciuti. Orfeo, cantore, e Euridice, ninfa bellissima e sposa di Orfeo. Un giorno mentre la ninfa fugge per sottrarsi alle insidie del pastore Aristeo, viene morsa da un velenoso serpente e muore. Orfeo, disperato, scende dal capo degli inferi per riportare sua moglie tra i viventi. Il suo disperato canto d’amore commuove le divinità infernali che gli permettono di riportare Euridice sulla terra a condizione di non voltarsi mai a guardarla fino a quando i sue saranno fuori dal regno degli inferi. Orfeo a un certo punto del tragitto non resiste e si gira a guardare la sua amata che svanisce nelle tenebre.

Il Maggio dei Libri 2021| Amor…

Torna Il Maggio dei Libri, l’appuntamento culturale ideato dal Centro per il Libro e la Lettura che alla sua undicesima edizione ha deciso di omaggiare il Sommo Poeta Dante Alighieri a settecento anni dalla sua morte. Amor… è la tematica che lega i tre filoni del Maggio: “Amor… ch’a nullo amato amar perdona“, dedicato all’amore nella sua più ampia accezione quando si accompagna ai sentimenti di empatia e solidarietà; “Amor… che ne la mente mi ragiona“, legato all’intelletto e fonte di curiosità e desiderio di conoscenza; “Amor… che move il sole e l’altre stelle“, pensato per abbracciare temi e riflessioni di natura diversa, ampi come la portata del sentimento che le anima.

Il Maggio dei Libri è nato nel 2011 con l’intenzione di promuovere il libro e sensibilizzare la lettura in contesti diversi da quelli che siamo abituati a considerare. Ogni anno librerie, scuole, biblioteche, associazioni culturali, editori e chiunque è animato da quella passione chiamata libri, dal 23 aprile (giornata nazionale del libro e del diritto d’autore) fino al 31 maggio organizzano iniziative a carattere culturale registrandole nell’apposita banca dati del sito ufficiale. Il risultato è una vera e propria celebrazione del libro e della lettura che diventa anno per anno sempre più grande e appassionante.

Per il quarto anno consecutivo sono molto contenta di far parte della squadra dei blogger che promuoverà Il Maggio dei Libri con due appuntamenti qui sul blog “Galeotto fu il libro” dove, partendo dal celebre quinto canto dell’Inferno di Dante con la storia di Paolo e Francesca, racconterò le storie d’amore più tragiche della letteratura.

Per il primo anno, invece, con la cartolibreria Il Girasole (Maddaloni, CE) ho curato Dante in scena dove verranno ricreati i luoghi simbolo del viaggio dantesco della Divina Commedia: Inferno, Purgatorio e Paradiso. In particolare, per il Purgatorio, verranno proposte delle letture tematiche ispirate ai sette vizi capitali.

L’allestimento prevede la raffigurazione di due delle tre cantiche- Inferno e Purgatorio- realizzate per l’occasione da un artigiano locale. Saranno esposte nella vetrina della cartolibreria per tutto il mese dedicato all’evento.

Quando tornerò | Marco Balzano

Se dovessi descrivere il nuovo romanzo di Marco Balzano Quando tornerò, Einaudi, potrei dire che è la storia di chi parte di chi resta.

A partire è stata Daniela quando si è resa conto che suo marito non avrebbe mai trovato un lavoro per provvedere ai bisogni della famiglia. A restare i suoi due figli che un giorno hanno trovato un biglietto della madre dove c’era scritto che se n’era andata. Daniela ha lasciato il suo paesino in Romania una notte, fuggendo come fuggono i ladri, perché sapeva che durante il giorno non avrebbe mai avuto il coraggio di lasciare i suoi due figli, anche se tutto quello che stava facendo lo stava facendo per loro.

Si trasferisce a Milano, pronta a fare il lavoro che tutte le donne straniere come lei fanno in questo Paese: la badante. Prendersi cura dei vecchi è il primo step, poi ci sarebbe quello della baby-sitter e poi chissà che altro ancora. Il patto era quello di restare giusto il tempo di racimolare i soldi necessari per sistemare la casa e provvedere agli studi dei figli, ma la verità è che chi lascia il proprio Paese difficilmente fa ritorno. Le poche volte che Daniela ritorna a casa capisce che l’atmosfera è cambiata. Il marito continua a essere strafottente e i figli, che non comprendono ancora la sua scelta, diventano ostili e a stento le rivolgono la parola.

Chi resta raramente capisce le scelte di chi parte. Angelica all’improvviso è dovuta diventare la donna di casa, mentre Manuel ogni giorno che passa perde le speranze di vedere la sua famiglia di nuovo riunita come un tempo.

Succede che prima di soccombere del tutto Manuel ha un incidente stradale che costringe Daniela a fare ritorno al suo Paese per stare al capezzale di suo figlio. La colpa più grande di una madre è quella di non aver capito il proprio figlio e di essere causa del suo dolore. Una madre che è stata via tutto quel tempo e che non si è resa conto di ciò che suo figlio stava vivendo può essere ancora chiamata mamma?

Quando tornerò è un racconto a tre voci. Conosciamo la storia della famiglia direttamente dai suoi componenti. C’è Manuel che ci rende partecipi del suo risentimento nei confronti di quella madre che ha fatto quella scelta senza neanche degnarsi di interpellarlo. C’è Daniela che con sacrificio prova a dare un futuro alla sua famiglia che di quel sacrificio non sa che farsene e poteva farne volentieri a meno e c’è Angelica che è tanto spaventata dall’idea di diventare come sua madre che appena ha l’opportunità decide di coglierla a volo e mettersi tutto alle spalle.

Marco Balzano non ha bisogno di mettere su una storia ambiziosa per far breccia nel lettore, gli basta la semplicità della storia di una famiglia per scrivere un romanzo capace di scaldare il cuore del lettore.

  • Titolo: Quando tornerò
  • Autore: Marco Balzano
  • Casa editrice: Einaudi
  • Data di pubblicazione: 9 Marzo 2021