Ninna nanna delle mosche | Alessio Arena

Palmira è un piccolo paesino della Lucania, una delle regioni più a sud dello stivale. Nei primi decenni del Novecento erano più le persone che decidevano di imbarcarsi per raggiungere la terra promessa, la Merica, che quelli che decidevano di rimanere. Berto, il fornaio del paese, era tra quelli che erano rimasti; Gregorio, invece, alla Merica ci era andato, perché costretto da altri e divideva il suo tempo come operaio nell’officina Porvenir ad estrarre il salnitro e a scrivere le lettere degli italiani che come lui avevano lasciato affetti e amori nel vecchio Paese.

Gregorio sarebbe rimasto volentieri a Palmira, accanto al suo Berto, ma la loro unione aveva destato scalpore per l’epoca e l’unica soluzione era stata quella di mandarlo quanto più lontano possibile e cercare di salvare Berto, facendolo sposare con una ragazza per bene, una fanciulla cresciuta in un convento della zona che con il suo canto era capace di commuovere e far innamorare. Si chiamava Serafina e per tutti era la ninnanannara che aveva sposato Berto e le aveva dato una bambina, incosciente di quelle voci che giravano su suo marito e su quell’amico emigrato tanti anni prima.

Succede che quelle lettere che Gregorio aveva mandato al suo amore e che non erano mai arrivate a destinazione, arrivano per puro caso tra le mani di Berto che decide di partire a sua volta per la Merica alla ricerca del suo Gregorio, inconsapevole di dare il via a una serie di avvenimenti a catena legati tra loro.

Da un lato c’è Gregorio che con la sua amica pianista Dorotea girava in lungo e in largo per il Cile; dall’altra Berto che accodandosi a un circo si imbarca alla volta del nuovo continente per mettersi sulle tracce di Gregorio e in tutto ciò una serie di persone a loro volta legate alla vite dei due le cui vicende si intrecceranno loro malgrado.

Che per stare con te sono nato e per stare con te sono andato a cercare la morte

«Ninna nanna delle mosche» di Alessio Arena (Fandango) è un caleidoscopio di storie e personaggi che si muovono e si amalgamano tra loro alla perfezione. È un romanzo che procede come procede una canzone di cui non si può fare a meno, una di quelle che parte lenta ed esplode nel finale. Alessio Arena, oltre ad avere un evidente talento per la scrittura, ha il dono di raccontare storie di cui mi innamoro follemente e questa è una storia ricca di amore, un amore puro e coraggioso, di folklore, quel folklore che è parte della nostra cultura e delle nostre radici, e di passione, quella passione che anima le persone e le stravolge e soprattutto è una storia capace di farti il cuore a pezzettini e poi per farsi perdonare te lo riempie di gioia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...