Le vite nascoste dei colori | Laura Imai Messina

Qual è il colore di un brindisi al futuro? Se dovessi esprimere un desiderio direi che voglio un futuro luminoso, circondata da persone positive a cui dare amore e riceverne altrettanto, un futuro pieno di passione e per me la passione ha un solo colore, il rosso, per cui se dovessi rispondere alla domanda con cui aperto direi che il colore di un brindisi al futuro è akaneni-iro il rosso geranio delle donne altolocate di Kyoto.

A quattro anni Mio non pronunciava neanche una parola. La famiglia, dopo vari pareri medici che attestarono che non aveva alcun tipo di problema, si era rassegnata all’idea di quella bambina senza parole, fino a quando qualche mese dopo per la felicità di tutti iniziò a parlare.

A cinque anni Mio usava termini che a volte neanche gli adulti usavano; solo una cosa non riusciva mai a pronunciare: i colori. Per lei era impossibile indicare il rosso, il rosa, l’azzurro o qualsiasi altro colore e anche in questo caso solo tempo dopo iniziò a usarli correttamente, ma mai da soli. Per Mio una cosa non poteva essere solo verde o solo blu, ma doveva essere verde giovane, blu del cielo delle sette di sera e giallo che fa il girotondo.

Quell’atteggiamento che faceva sorridere chiunque la sentisse rendeva furiosa la madre che continuava a vedere in lei un tipo di stranezza difficile da interpretare e questo fece sì che tra madre e figlia il rapporto fosse sempre burrascoso al punto che Mio una volta più grande decise di non lavorare nell’atelier di kimono nuziali della famiglia dove lei da bambina aveva imparato l’importanza dei gesti tramandati di generazione in generazione. Mio aveva deciso di lavorare in un negozio di colori, perché la vista di tutte quelle boccette colorate messe in fila ordinate la faceva stare bene.

Aoi aveva imparato presto cos’era la morte. Il padre aveva un’agenzia funebre per cui fin da piccolo sapeva che non bisognava aver tanta paura di quella cosa che spaventava tutti. Fin da bambino aveva osservato il padre che nel giorno più difficile per le persone che dovevano dire addio al proprio caro metteva su tutta una serie di azioni per fare in modo che il passaggio tra questa e l’altra vita avvenisse nel migliore dei modi.

Adesso che l’agenzia era sua Aoi sentiva il bisogno di darle un nuovo tocco di colore ed è in questo modo che fa la conoscenza di Mio e basta un semplice sguardo tra i due per far risvegliare qualcosa che per entrambi sopiva da tempo.

Le vite nascoste dei colori (Einaudi) è il racconto di due anime che si incontrano e che riconoscendosi tra la folla capiscono che non possono fare a meno l’una dell’altra. È il racconto di un amore la cui potenza è talmente forte che può distruggerti e può annientarti e devi scegliere se stare dalla parte in cui potresti soffrire o in quella in cui potresti essere felice per sempre. Laura Imai Messina ci racconta quella che potremmo definire una fiaba moderna capace di farci emozionare dalla prima all’ultima riga.  

  • Titolo: Le vite nascoste dei colori
  • Autrice: Laura Imai Messina
  • Casa editrice: Einaudi
  • Data di pubblicazione: 8 Giugno 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...