Promo Fazi Editore| Cosa leggere

Non si fa in tempo ad approfittare di una promozione librosa che subito qualche casa editrice ci delizia con un’altra. Altro giro, altri sconti, questa volta tocca bussare casa Fazi Editore che per un mese, dal 3 settembre al 3 ottobre, mette tutto il suo catalogo al 20% di sconto escluse le novità pubblicate negli ultimi sei mesi).

Di libri Fazi da leggere ce ne sono tanti, ma chi sono io per non darvi qualche dritta per orientarvi in questo mare magnum di offerte? Il motto ormai lo conoscete: carta, penna e partiamo.

CARMEN KORN- LA TRILOGIA DEL SECOLO

È stata definita la Elena Ferrante della Germania e non so se è per questo che è diventata in pochissimo tempo una delle mie autrici preferite in assoluto. Di lei direi di leggere assolutamente la saga che l’ha fatta conoscere a noi lettori italiani, la trilogia del secolo composta da tre libri: Figlie di una nuova era, È tempo di ricominciare e Aria di novità. Una bellissima ed emozionante storia corale che parte dagli inizi del novecento e che si conclude allo scoccare della mezzanotte del 1° gennaio del 2000. Sarà impossibile non immergersi nelle vite di queste quattro famiglie le cui storie si intrecceranno con gli eventi storici della Germania del Novecento: lacrime a gogo, ma anche tantissime emozioni.

MAZO DE LA ROCHE- JALNA

Le saghe familiari sono la mia passione, questa è una cosa nota a tutti ormai, motivo per cui l’altro consiglio non poteva ricadere sull’altra mia amata famiglia: Jalna. Di questa saga l’autrice canadese ha scritto ben sedici libri che Fazi sta portando pian piano in Italia. Al momento sono editi Jalna, Il gioco della vita e La fortuna di Finch, motivo per cui vi consiglio vivamente di recuperare (tranne l’ultimo, uscito a inizio anno e non facente parte della promozione). La storia di una numerosa famiglia canadese, i Whiteock, che vivono nella loro tenuta di Jalna: amori, tradimenti, segreti e tanti elementi che di solito contraddistinguono le famiglie, ben miscelati tra loro.

VIGDIS HJORTH- EREDITA’

A settembre sarà in libreria il suo nuovo libro, motivo per cui recuperare il suo precedente, Eredità, non può che farvi bene. Quella che Hjorth racconta, è una storia capace di scavare lentamente nell’animo umano, una storia che ha a che fare sempre con il tema famiglia, ma che purtroppo si concentra sul lato torbido e impuro. Nel momento in cui Bard, insieme al fratello, viene esclusa dall’eredità che le spetta, quella ferita lasciata lì a rimarginarsi si apre di nuovo facendo emergere quel dolore che tanto tempo prima l’aveva condizionata.

*nel blog trovate altri spunti dedicati ai libri Fazi Editori, questi da me consigliati sono quelli che mi sono piaciuti maggiormente e di ogni libro proposto troverete un post dedicato.

** aderiscono alla promo Fazi la maggior parte delle librerie indipendenti, le librerie Feltrinelli, Mondadori e Ubik e per qualsiasi informazione vi rimando al sito della casa editrice dove troverete tutto

Di liste di lettura portate miracolosamente a termine| I libri che ho letto durante l’estate

L’estate è ufficialmente finita. Non so voi, ma per me l’ultima settimana di agosto è stata come l’ultima ora dell’ultimo giorno di scuola, un’attesa estenuante verso il suo della campanella che avrebbe significato una sola cosa: libertà (se siete amanti della stagione infernale queste righe potrebbero nuocere gravemente alla vostra salute).

Non sono qui per parlarvi della beltà della stagione che ci prepariamo a vivere, sua maestà l’autunno, piuttosto volevo rendevi partecipe dei librini che mi hanno fatto compagnia nei mesi appena trascorsi. Verso l’inizio di giugno ho buttato quasi senza pensare una lista di lettura, cosa fatta per la prima volta in vita mia, visto che mi piace scegliere i libri da leggere in base all’umore del momento. Siccome avevo accumulato un po’ di novità e siccome utilizzo la pausa editoriale per leggere qualche libro che dico sempre di voler recuperare, mettere tutto nero su bianco era l’unica cosa che potevo fare e signori, questa mattina sono qui per comunicarvi che di quella lista ho letto praticamente tutto (o quasi, ma sul quasi ci torniamo dopo).

Nella vita avrò combinato poco e niente, ma la soddisfazione di spuntare lettura dopo lettura e arrivare alla consapevolezza di aver portato tutto (o quasi tutto) a termine dove la mettiamo? Sarà che sarò stata colpita dalla positività che ha colpito il popolo italico, sarà che per qualche strano allineamento astrale tutte le forze erano con me, sarà quel che sarà…

Sproloqui a parte, che cosa ho letto in questi mesi?

Il primo grande recupero è stato Zerocalcare. All’inizio dell’anno mi sono imposta di recuperare tutto ciò che ha scritto, anzi disegnato, e dopo Macerie prime e Macerie prime, sei mesi dopo, è stata la volta di Scheletri, La profezia dell’armadillo e La scuola delle pizze in faccia del professor Calcare.

Tra le letture di giugno e luglio ci sono state delle novità editoriali di cui già ho avuto modo di parlarvi; il libro di Jami Attenberg Tutto questo potrebbe essere tuo, Le vite nascoste dei colori di Laura Imai Messina, Una sirena a settembre di Maurizio de Giovanni, Alfredino, laggiù di Enrico Ianniello, Quando il mondo era giovane di Carmen Korn, Le balene mangiano da sole di Rosario Pellecchia (e qui aggiungo anche Solo per vederti felice, letto nell’ultima settimana di agosto e che mi ha fatto luccicare più volte gli occhi) e Andarsene di Rodrigo Hasbun.

Per la categoria libri che rimandavo da tanto tempo e alla fine finalmente ho recuperato troviamo Eshkol Nevo Tre piani (che per me è un grande, grandissimo mah), Oregon Hill di Howard Owen (che invece è un grandissimo sì), Il colore viola di Alice Walker (che ahimè che delusione, signora mia) Il weekend di Charlotte Wood (perché di questo libro spettacolare si parla così poco?), Falsa partenza di Marion Messina (che per me ha avuto lo stesso impatto emotivo di Persone normali di Sally Rooney) e Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda (libro da leggere senza se e senza ma).

Per la categoria libri letti per puro caso e che mi sono piaciuti tantissimo ci sono Love after love di Ingrid Persaud (che al momento è nella lista dei libri più belli di questo 2021), Un bel quartiere di Therese Anne Fowler (anche qui siamo tra i libri belli, bellissimi), Ritorno a Whistle Stop di Fannie Flagg (in questo caso dopo aver amato il precedente anni fa non potevo non leggere questo che è una sorta di seguito), Un semplice caso di infedeltà di Jacqueline Winspear (che mi ha ricordato un po’ i libri di Jessica Fellowes per svolgimento e ambientazione) e È quello che ti meriti di Barbara Frandino.

Veniamo adesso alla saga familiare che mi ha fatto compagnia ad agosto e cioè la famiglia Florio. Sono un’appassionata di saghe familiari e quindi se in un libro si narra la storia di una famiglia in un arco temporale abbastanza lungo ci metto poco a decidere di leggerlo, cosa questa non successa con i libri di Stefania Auci. Avevo una sorta di repulsione dei confronti di questo libro che ha stregato tantissimi lettori e, infatti, ci sono arrivata a distanza di tempo e per fortuna mi sono ricreduta, almeno in parte, perché se da un lato ho amato tantissimo il primo capitolo della saga, I leoni di Sicilia, lo stesso non posso dire di aver fatto con il seguito, L’inverno dei leoni, lettura che ho portato a termine per un senso di dovere che non mi appartiene.

Prima di congedarvi miei cari lettori, come ho detto in apertura ho portato a termine la mia lista di libri da leggere. Per chi si ricorderà ho ribadito più volte quasi, perché come ben saprete ad agosto scelgo un classico da leggere. Quest’anno la mia scelta è ricaduta su Il conte di Montecristo, un tomettino di mille e passa pagine. Ebbene, dopo un inizio folgorante, il tomo (che in realtà è la versione digitale) è tornato sulla pila dei libri da leggere chissà quando.  

Dei libri che leggeremo a settembre| Guida pratica alle prossime uscite

Buongiorno lettori, come va? Il blog riprende ufficialmente le comunicazioni dopo una pausa lunga e meritata (la pausa la meritavo io, ma questo è un altro discorso).

Molti di voi saranno ancora in vacanza, altri ancora magari sono lì che si accingono a partire e altri come me sono tornati alla propria normale routine, ma se c’è una cosa che unisce noi lettori è la voglia di sapere cosa troveremo a breve nelle librerie dopo la tradizionale pausa editoriale dei mesi estivi e questo post vuole essere una breve e significante guida alle prossime uscite: armatevi di penna e agenda e partiamo.

Il 31 agosto torna in libreria Maurizio Maggiani con Eterna Gioventù (Feltrinelli) una storia di eterna rivolta, di vite che si intrecciano e si confondono con la Storia, edificandone una loro che non si pieghi alla schiacciante prepotenza del potere, all’insolenza del tiranno, allo sconforto della sconfitta, una storia madre di fraterna giustizia, di amorevole libertà, di una gioiosa e ardente futura umanità.

Il 2 settembre è la volta di uno dei miei autori del cuore; Alessio Arena torna con il suo nuovo romanzo Ninna nanna delle mosche (Fandango) con un’emozionante storia che si svolge tra un paesino della Lucania e il lontano Cile. Marco Malvaldi riporta in libreria i suoi amati vecchietti e il barista Massimo, alle prese con un nuovo intrigo da sciogliere in Bolle di sapone (Sellerio).  

Il 7 settembre tornano Michela Murgia e Chiara Tagliaferri con Morgana. L’uomo ricco sono io (Mondadori), una raccolta di storie dove l’emancipazione femminile passa attraverso l’indipendenza economica. Come nel precedente libro, ci saranno una serie di ritratti di donne, imprenditrici, politiche e attrici che grazie al loro lavoro sono diventate ricche abbastanza da poter affermare, come diceva Cher che l’uomo ricco erano loro.

Il 9 settembre è la volta di un altro autore del cuore; Alessio Forgione torna in libreria con Il nostro meglio (La nave di Teseo). Amoresano è cresciuto a Bagnoli con i nonni e adesso vive con la famiglia a Soccavo. Va all’università, ha una relazione che procede a stento e ama rifugiarsi nella lettura. Tutto nella vita sempre riportarlo a quell’amore primordiale che lo ha cresciuto, sua nonna, che gli ha insegnato tutto quello di cui lui aveva bisogno. La storia ha tutte le premesse di essere una di quelle che difficilmente dimenticheremo.

Dopo i successi de La ferrovia sotterranea (SUR) e I ragazzi della Nickel, il 14 settembre arriva il nuovo imperdibile libro di Colson Whitehead Harlem Shuffle (Mondadori) e torna Alessandro Piperno con Di chi è la colpa (Mondadori).

Il 28 settembre è la volta di due autori napoletani (entrambi autori del cuore, ovviamente). Diego De Silva riporta in scena il suo personaggio più amato, l’avvocato Vincenzo Malinconico con Le minime di Malinconico (Einaudi), mentre ritorna dopo il grandissimo successo de Il treno dei bambini, Viola Ardone con Oliva Denaro.

Il 30 settembre Feltrinelli schiera alcuni dei suoi autori di punta; saranno in libreria i libri di Nicolas Barreau Il tempo delle ciliegie, Vinicio Capossela con Eclissica e Banana Yoshimoto con Su un letto di fiori. Per Adelphi uscirà il nuovo libro di Peter Cameron, Anno bisestile, mentre Lorenzo Marone torna con una nuova storia Il bosco di là, edito da Aboca edizioni.

Ci sarebbero delle chicche anche per ottobre e novembre, ma mica posso dirvi tutto oggi? Alla prossima, lettori.

Consigli (non) richiesti| Feltrinelli edition

Nel post di ieri vi segnalavo le varie promo librose che le case editrici hanno attivato in questo periodo (se non sapete di cosa sto parlando basta cliccare qui) e tra queste figura la deliziosa book cover di Feltrinelli che che vi sarà data in omaggio con un acquisto mimino di 35 euro fino al 14 luglio. Quale occasione migliore per consigliarvi qualche titolo di questa casa editrice se siete ancora indecisi su cosa acquistare?* Come sempre, carta, penna e partiamo.

Partiamo da un autore del cuore made in città del cuore. Mi riferisco a Lorenzo Marone e non potevo non iniziare da lui. Potrei dirvi la frase più ovvia: tutti i libri di Lorenzo vanno benissimo, ma se proprio mi costringete a scegliere, perché siete lettori senza cuore, sono obbligata a dire Magari domani resto, il libro che mi ha fatto conoscere ed apprezzare Lorenzo e che è simbolo di chi ogni giorno qui sceglie di restare nonostante tutto e nonostante tutti. Rimanendo in casa passiamo a La compagnia delle illusioni di Enrico Ianniello un libro che pieno di ironia, leggerezza, ma anche profondità e una buona dose di sentimenti di quelli dolci e puri che a tratti ti fanno velare gli occhi. 

Per la categoria libro del cuore di autrice del cuore Le assaggiatrici di Rosella Postorino un romanzo che si divora in pochissimo e che non ha bisogno di presentazioni, dico solo che se non l’avete letto è giunto il momento di rimediare.

Un romanzo che tutti gli amanti dei libri dovrebbero leggere è quello di Domanico Dara, Malinverno, un romanzo magico che ricorda le splendide atmosfere del cimitero dei libri dimenticati di Carlos Ruiz Zafon e che mette nero su bianco tutte le emozioni che noi lettori proviamo quando ci approcciamo a una lettura: semplicemente imperdibile. Stesso discorso per Il sorriso di don Giovanni di Ermanno Rea: tutto l’amore per la letteratura e per i libri raccontato da una ragazza, Adele, con cui sarà felice immedesimarsi.

Venendo a due uscite recenti da poco in libreria vi consiglio Le piccole libertà di Lorenza Gentile, una vera e propria favola moderna, un libro che potrei definire una coccola e Le balene mangiano da sole di Rosario Pellecchia la storia di un rapporto di amicizia sui generis con un epilogo capace di sciogliere i cuori più duri.

Prendete un fumettista che non trovando più l’ispirazione decide di trovarsi un lavoro che può definire lavoro; prendete un ragazzo che con difficoltà cerca di riemergere da un trauma vissuto durante l’adolescenza che lo ha irrimediabilmente segnato e aggiungete infine un uomo che decide di vivere così come la nostra religione ci impone e otterrete tre dei libri che più apprezzato negli ultimi anni: Spigole di Tito Faraci, Carlo è uscito da solo di Enzo Gianmaria Napolillo e …che Dio perdona a tutti di Pif.

Chiudiamo in bellezza con due libri le cui protagoniste amerete o odierete alla follia e qui sta a voi deciderlo: La felicità del cactus di Sarah Haywood e Il mio anno di riposo e oblio di Ottessa Moshfegh.

*per avere la book cover di Feltrinelli non è necessario l’acquisto dei soli libri Feltrinelli, ma basta raggiungere 35 euro di spesa in uno dei punti La Feltrinelli e sugli store online.

Estate libri| Per i malati di gadget tutte le promo librose del momento

Si sa che noi lettori non abbiamo bisogno di incentivi per acquistare libri, anzi, per noi ogni scusa è buona per una capatina in libreria per comprare qualcosina: niente di più ci rende felici di regalarci, o farci regalare, un libro.

L’estate, complice il maggior tempo a disposizione per le ferie o per le pause studio, le case editrici sono lì a complottare contro i nostri poveri portafogli mettendo su campagne acquisto a cui è difficile resistere: sconti su sconti e tanti, tantissimi gadget in allegato agli acquisti.

In questo mare magnum di offerte non potevo che venire in vostro soccorso, quindi se il vostro conto piange miseria chiudete immediatamente questa pagina, perché non voglio ritenermi responsabile di niente; per tutti gli altri mettetevi comodi e come sempre prendete appunti.

ZAINI E SHOPPER

Partiamo dalla mia casa editrice del cuore (Franci, ma quanto sei prevedibile): dal 9 luglio al 22 agosto con due libri Einaudi vi portate a casa uno zaino (nero o beige i colori disponibili). Per chi non sa cosa acquistare vi rimando a due vecchi post che trovate sul blog che sono sempre validi, perché i consigli non scadono mai: uno dedicato esclusivamente agli Stile Libero e uno a tutti gli Struzzi. Spostandoci in casa Feltrinelli con un minimo di spesa di 35 euro c’è in omaggio una splendida cover book, un modo creativo per proteggere i libri che decidiamo di portare in spiaggia e non solo: qui una guida all’acquisto se ancora siete indecisi su cosa acquistare.

Adelphi dal 15 luglio al 15 agosto con l’acquisto di due titoli del loro catalogo regala ai propri lettori una shopper con i disegni di Tullio Pericoli: di questa borsa ci sono ben quattro versioni (e qui trovate i miei Adelphi imperdibili).

Sempre in tema borse, con l’acquisto di due libri della collana Elefanti di Garzanti riceverete in omaggio una borsa termica con la scritta Io Leggo, offerta valida fino all’8 agosto, mentre acquistando un titolo Blackie Edizioni portate a casa una shopper: questa è valida fino all’11 luglio quindi fate ambress!

Sempre di zainetto si tratta, ma dedicato ai più piccoli, quello della casa editrice Il Castoro che fino al 27 luglio omaggia i suoi lettori con uno zainetto colorato della serie Il manuale delle 50 avventure con l’acquisto di due titoli, mentre con una guida Marco Polo fino al 31 agosto vi portate a casa una sacca.

TACCUINI

Per chi come me ha come seconda passione la cartoleria, non può perdersi il taccuino in omaggio che si riceve acquistando un titolo Iperborea fino al 31 luglio, quello di Edizioni E/O che si ottiene con l’acquisto di due titoli della collana Le Cicogne (in questo caso la promo andrà avanti fino ad esaurimento scorte) e quello in omaggio con due libri SUR, sempre fino al 31 luglio; in questo caso si tratta di un vero e proprio diario di lettura, inutile dire che è imperdibile.

SCONTI

Estate significa anche sconti, e al momento le case editrici che hanno messo il loro catalogo scontato del 20% sono le seguenti:

  • Bompiani fino al 1° agosto,
  • Voland dal 1° luglio fino al 3 agosto,
  • la collana BEAT dal 8 luglio al 7 agosto
  • TEA fino all’8 agosto,
  • Raffaello Cortina Editore fino al 23 luglio,
  • Il Battello a Vapore fino al 18 luglio,
  • Ape Junior e Nord-Sud (case editrici dedicate ai più piccoli) fino al 1 agosto,
  • Voland fino al 31 luglio (promozione è valida solo sui prodotti venduti e spediti direttamente da IBS di cui sono escluse le novità degli ultimi sei mesi)

Le seguenti case editrici, invece, vi permettono di portarvi due titoli del loro catalogo a 9,90: Feltrinelli, Marsilio, SEM e Sonzogno nella veste universale economica. A questi si aggiungono Gribaudo, Newton Compton e TEA.

GIOCHI

Passiamo in casa Salani che fino al 31 luglio con l’acquisto di due libri per ragazzi regala il gioco della dama in una scatola di latta portatile e resistente, con pedine magnetiche.

Giunti Kids invece si dedica ai più piccoli e con un acquisto minimo di almeno dieci euro regala un kit da spiaggia fino al 17 luglio.

Parti con un libro | Quattro titolini da mettere in valigia

È arrivato quel periodo dell’anno in cui se non si sta attenti si inciampa su una lista dei libri da leggere in vacanza. Il mio amore per le liste è cosa nota e ogni anno infatti non perdo occasione di spulciare tutte le liste che mi capitano a tiro e soprattutto mi sento in dovere di stilare la mia lista di consigli non richiesti.

Quest’anno tra l’altro è stato il primo in cui prendendo carta e penna ho buttato giù sommariamente una lista di libri da leggere nei mesi che vanno da giugno ad agosto e senza volermi buttare la zappa sui piedi da sola posso affermare che sono già a buon punto: adesso non resta che vedere cosa succederà da qui a fine estate (incrociate le dita per me).

Tornando a noi, i miei vogliono essere sempre consigli spassionati, liberissimi di seguirli, liberissimi di ignorarli, liberissimi di non leggere niente e godervi la vostra meritata vacanza di dolce far nulla. Per chi volesse, qui sotto trovate quattro titolini da leggere.

Rosario PellecchiaLe balene mangiano da sole (Feltrinelli): Gennaro, detto Genny, è un orgoglioso rider. Messi momentaneamente gli studi in pausa, Genny ha deciso di lanciarsi anima e corpo in questo mestiere detestato da tutti quelli che lo svolgono. Per lui, invece, il rider rappresenta l’occasione di poter entrare, seppure solo per il momento della consegna, nelle case altrui per poter scorgere pezzi di vita e brandelli di storie. Una sera durante una consegna conosce Luca, un dodicenne tifoso sfegatato del Napoli che lo invita a rimanere per vedere la partita. Sa che non dovrebbe, ma intuisce in quella richiesta un bisogno di attenzioni a cui lui non può sottrarsi. Contro ogni logica tra Genny e Luca si instaura un rapporto di amicizia sempre più forte con un epilogo capace di sciogliere i cuori più duri.

Ingrid PersaudLove after love (Edizioni E/O). Avvertenze: questo libro vi farà piangere tantissimo. A Trinidad Betty si ritrova a crescere suo figlio Solo da sola dopo che suo marito muore. Per aiutare l’assetto economico familiare decide di affittare una camera di casa sua a Mr Chetan che in pochissimo tempo diventa il migliore amico di Betty e la figura paterna che tanto manca a Solo. Succede che un segreto che doveva rimanere tale purtroppo viene fuori e Solo parte per New York pur di tagliare i ponti con sua madre Betty che si affida sempre più a Mr Chetan, l’unico che le rimane accanto e purtroppo per lei i dolori non sono finiti…

Jami AttenbergTutto questo potrebbe essere tuo (Einaudi). Per la serie non è vero che in vacanza bisogna portare libri leggeri. Per Alex si sta avvicinando il giorno tanto atteso, quello della morte di suo padre Victor. Se per qualsiasi figlia dire addio a un genitore è quanto di più atroce possa capitare, per Alex questo momento significa solo libertà. Libertà da un padre da sempre autoritario, violento, misogino, meschino e tanti altri complimenti così. Un padre che ha ripetutamente tradito sua madre Barbra, consapevole della sua infedeltà e che ha fatto affari illeciti mettendo a rischio tutta la famiglia. Si può perdonare un padre per non essere stato un padre?

Gianni SollaTempesta madre (Einaudi). Se una cosa la puoi scrivere, allora vuol dire che la puoi capire. C’è Jacopo e c’è la segretaria. C’è Jacopo unico bambino maschio della classe all’istituto Santa Sofia e c’è la segretaria, sua madre, delle Brahms edizioni musicali, una donna bellissima, eccentrica, vulcanica a passionale. Una donna che ha messo il padre di Jacopo alla porta e ha cresciuto il figlio da sola. Un rapporto, il loro, unico e problematico, fatto semplicemente di lui e lei. Una volta adulto è difficile per Jacopo accettare i segni dell’Alzheimer che avanzano nella mente della segretaria, come sarà difficile accettare di doverle prima o poi dire addio. Tenero e commovente, da leggere e niente più.

Napoli Mon Amour| Non la solita guida

È arrivata l’estate e con la bella stagione anche la voglia di preparare la valigia e partire in modo da staccare la spina e buttarsi almeno per qualche giorno i brutti mesi che abbiamo passato. All’inizio volevo preparare una mini guida di città del cuore, ma quanto banale sarei stata nel proporvi quei posti noti e stranoti?

Palazzo Reale, Maschio Angioino, Castel dell’Ovo, Mergellina: questi sono posti da visitare senz’altro se non avete mai messo piede a Napoli, ma se vi dicessi che ci sono dei posti meno conosciuti ai più ma sempre degni di essere visitati che cosa mi dite?

Bene, mettetevi comodi, prendete carta e penna e partiamo.

Palazzo Sanfelice

Palazzo Sanfelice o il Palazzo dello Spagnolo è divenuto noto grazie ad alcune serie tv che ne hanno fatto un set: Gomorra vi dice qualcosa? Questo palazzo di classico esempio barocco dall’inconfondibile doppia rampa di scale si trova nel bel mezzo della Sanità ed è stato denominato lo Spagnolo, perché verso la fine del settecento venne acquistato da un nobile di Spagna, Tommaso Atienza che fece apportare delle migliorie al palazzo. Sempre in passato era frequentato da Carlo III di Borbone che qui veniva a cambiare i cavalli con i buoi, unici animali in grado di portarlo fino a Capodimonte.

Ospedale delle bambole

In questa bottega situata a San Biagio dei Librai mi ci sono imbattuta un giorno che ero a spasso per la città senza una meta precisa. Nato come bottega e recentemente diventato museo l’ospedale delle bambole fu fondato da Luigi Grassi nel 1895. Grassi era uno scenografo dei teatri di corte ed aprì questa piccolo laboratorio per costruire scenografie e per riparare gli oggetti di scena. Col tempo iniziò ad aggiustare maschere, giocattoli, burattini e bambole e siccome quando “operava” indossava un camice bianco, le persone iniziarono a riferirsi al posto come ‘o spitale d’é bambule. Dopo quattro generazioni l’ospedale è ancora aperto e delle artigiane saranno pronte ad accoglierti per spiegarti il funzionamento.

Collezione Lucchesi Palli

Non poteva mancare nella mia mini guida un qualcosa che avesse a che fare con i libri. Nella biblioteca Vittorio Emanuele III c’è un’ala dedicata alla collezione del conte Febo Eduardo Lucchesi Palli. Ingiustamente poco conosciuta questa collezione fu donata dal conte nel 1888 che si premurò di donare i suoi libri e manoscritti insieme alle scaffalature necessarie per ospitarla. La collezione originale comprendeva qualcosa come trentamila volumi tra cui le lettere di Giuseppe Verdi, le pubblicazioni del poeta Salvatore Di Giacomo, i periodici dell’ottocento di politica e costume, i libretti d’opera e di canzoni napoletane, le sceneggiature di oltre duemila commedie e le opere letterarie giapponesi in lingua originale.

Santa Patrizia

Non tutti sanno che Napoli non ha un solo santo patrono, San Gennaro, ma ben cinquantadue. Tra questi c’è Santa Patrizia, conosciuta per essere la protettrice dei single. Così come si attende lo scioglimento del sangue di San Gennaro, così si attende quello di Santa Patrizia che si scioglie il 25 agosto. In questa giornata tutti quelli alla ricerca del proprio amore si recano nella chiesa di San Gregorio Armeno per chiedere la grazia alla Santa.

Il crocifisso ferito

Il Cristo Velato è una delle sculture più conosciute e non solo a Napoli. Non tutti sanno che c’è un’altra opera capace di fargli concorrenza, se così si può dire. L’11 novembre del 1923 un incendio divampò nella chiesa di San Carlo all’Arena e fece crollare un crocifisso che si frantumò al suolo. Quel crocifisso risaliva al 1599 quando Michelangelo Naccherino lo ricavò scolpendolo da un unico blocco di marmo. Dopo numerosi interventi di restauro la statua è tornata al suo posto nella chiesa e le linee sul volto sembrano essere delle vere e proprie cicatrici che rendono le ferite ancora più verosimili.

Gaiola

Di fronte a Posillipo sorge l’isola della Gaiola, una delle isole minori di Napoli chiamata l’isola maledetta. Se da un lato quest’isola è conosciuta per la sua immensa bellezza, dall’altro un alone di mistero la circonda, in quanto molti dei proprietari della villa che svetta sull’isola sono morti prematuramente in circostanze non sempre limpide. Leggenda vuole che la villa appartenesse a uno stregone e che poi fu comprata da Hand Braun nei primi anni del novecento: lui fu trovato morto in un tappeto e tempo dopo sua moglie morì annegata. La villa fu acquistata da Otto Grunback che morì d’infarto, poi da Maurice-Yves Sandoz che morì suicida in un manicomio in Svizzera e infine dal barone Paul Karl Langheim  che finì sul lastrico a causa delle numerose feste che organizzava.

Le vite nascoste dei colori | Laura Imai Messina

Qual è il colore di un brindisi al futuro? Se dovessi esprimere un desiderio direi che voglio un futuro luminoso, circondata da persone positive a cui dare amore e riceverne altrettanto, un futuro pieno di passione e per me la passione ha un solo colore, il rosso, per cui se dovessi rispondere alla domanda con cui aperto direi che il colore di un brindisi al futuro è akaneni-iro il rosso geranio delle donne altolocate di Kyoto.

A quattro anni Mio non pronunciava neanche una parola. La famiglia, dopo vari pareri medici che attestarono che non aveva alcun tipo di problema, si era rassegnata all’idea di quella bambina senza parole, fino a quando qualche mese dopo per la felicità di tutti iniziò a parlare.

A cinque anni Mio usava termini che a volte neanche gli adulti usavano; solo una cosa non riusciva mai a pronunciare: i colori. Per lei era impossibile indicare il rosso, il rosa, l’azzurro o qualsiasi altro colore e anche in questo caso solo tempo dopo iniziò a usarli correttamente, ma mai da soli. Per Mio una cosa non poteva essere solo verde o solo blu, ma doveva essere verde giovane, blu del cielo delle sette di sera e giallo che fa il girotondo.

Quell’atteggiamento che faceva sorridere chiunque la sentisse rendeva furiosa la madre che continuava a vedere in lei un tipo di stranezza difficile da interpretare e questo fece sì che tra madre e figlia il rapporto fosse sempre burrascoso al punto che Mio una volta più grande decise di non lavorare nell’atelier di kimono nuziali della famiglia dove lei da bambina aveva imparato l’importanza dei gesti tramandati di generazione in generazione. Mio aveva deciso di lavorare in un negozio di colori, perché la vista di tutte quelle boccette colorate messe in fila ordinate la faceva stare bene.

Aoi aveva imparato presto cos’era la morte. Il padre aveva un’agenzia funebre per cui fin da piccolo sapeva che non bisognava aver tanta paura di quella cosa che spaventava tutti. Fin da bambino aveva osservato il padre che nel giorno più difficile per le persone che dovevano dire addio al proprio caro metteva su tutta una serie di azioni per fare in modo che il passaggio tra questa e l’altra vita avvenisse nel migliore dei modi.

Adesso che l’agenzia era sua Aoi sentiva il bisogno di darle un nuovo tocco di colore ed è in questo modo che fa la conoscenza di Mio e basta un semplice sguardo tra i due per far risvegliare qualcosa che per entrambi sopiva da tempo.

Le vite nascoste dei colori (Einaudi) è il racconto di due anime che si incontrano e che riconoscendosi tra la folla capiscono che non possono fare a meno l’una dell’altra. È il racconto di un amore la cui potenza è talmente forte che può distruggerti e può annientarti e devi scegliere se stare dalla parte in cui potresti soffrire o in quella in cui potresti essere felice per sempre. Laura Imai Messina ci racconta quella che potremmo definire una fiaba moderna capace di farci emozionare dalla prima all’ultima riga.  

  • Titolo: Le vite nascoste dei colori
  • Autrice: Laura Imai Messina
  • Casa editrice: Einaudi
  • Data di pubblicazione: 8 Giugno 2021